La sconfitta di Trump colpisce il populismo ma non lo uccide.

La partenza di Donald Trump dalla Casa Bianca ha lasciato i movimenti populisti senza la testa più visibile al potere mondiale. Un pugno di leader e governi erano entusiasti della rielezione del presidente degli Stati Uniti: Ungheria, Polonia e Brasile ad esempio. 

Non è andata come previsto. 
Ma la loro sconfitta è ben lungi dall’essere la fine delle tendenze elettorali che negli ultimi anni hanno posto i partiti di estrema destra al comando di diversi governi.

La vittoria di Trump nel 2016 è stata un regalo per leader come Viktor Orbán in Ungheria, Jair Bolsonaro in Brasile, Vladimir Putin in Russia, Narendra Modi in India e Rodrigo Duterte nelle Filippine. 

Il presidente del paese più potente del mondo era entrato a far parte di un club dai contorni diffusi composto da leader nazionali-popolari. 
La vittoria di un politico con il profilo di Trump quattro anni fa ha avuto più impatto tra i populismi rispetto alla sconfitta ora, perché Trump ha dimostrato che non ci sono tabù e questo rende i populisti europei speranzosi.

L’idra populista, inoltre, ha ora molte più teste, sia visibili che sepolte.
E la sua influenza non è più limitata agli estremi dell’arco politico, ma è anche al centro delle formazioni tradizionali di destra e di sinistra. Sia il Partito popolare europeo (PPE), i socialisti (S&D) e i liberali (Renew Europe) ospitano gruppi e leader chiaramente identificati con la corrente populista mondiale che tra il 2016 e il 2018 ha preso il potere negli Stati Uniti, in Brasile o nelle Filippine ed è stata lasciata sulla soglia di casa in Olanda o in Italia ed è riuscita a lasciare il Regno Unito fuori dall’UE.

Il trumpismo e il populismo sono ancora vivi pero’

I partiti tradizionali commetterebbero un errore se dichiarassero sconfitte le orde elettorali populiste. E’ necessaria la presenza di Joe Biden alla Casa Bianca, per stabilire una corrente transatlantica progressista che contrasti l’accordo internazionale che il populismo ha organizzato durante il mandato di Trump.

La pressione populista nel Vecchio Continente ha raggiunto il suo apice tra il 2016 e il 2019: la Brexit è stata imposta nel referendum nel Regno Unito, l’estrema destra di Marine Le Pen sembrava alle porte dell’Eliseo in Francia e Geert Wilders ha avuto quasi la possibilità di rilevare il governo nei Paesi Bassi. 

Il leader dell’estrema destra italiana, Matteo Salvini, ha ottenuto la vicepresidenza del governo del suo paese. Inoltre, Steve Bannon, ex consigliere di Trump, ora caduto in disgrazia per i suoi problemi con la legge, è sbarcato in Europa con l’intento di incoraggiare un’ondata populista che avrebbe spazzato via l’ Unione Europea.

Ma le previsioni più terribili non si sono avverate 

La vittoria di Emmanuel Macron in Francia ha segnato una svolta nell’avanzata dei populisti, che non sono riusciti anche a diventare una forza chiave nel Parlamento Europeo. 
Bannon è stato ritirato dalla scena e Salvini è caduto a causa di un errato calcolo elettorale i “Pieni Poteri”

La rielezione di Trump avrebbe segnato la fine della sequenza di contrattempi. Ma la marea di voti democratici ha ostacolato il suo secondo mandato.

“Una delle conseguenze positive del populismo è che provoca una grande mobilitazione da parte del resto dell’elettorato”, dice Pawel Zerka, analista dell’European Council on Foreign Relations (ECFR). E ricorda che la grande affluenza negli Stati Uniti è avvenuta anche alle elezioni presidenziali di luglio in Polonia, dove il populismo nazionalista guidato da Jaroslaw Kaczynski continua a vincere le elezioni ma incontra sempre più una resistenza popolare.

people rallying on road near buildings

L’Europa centrale e orientale è diventata uno dei principali granai del voto populista all’interno dell’UE. 

E l’unico in cui i leader più vicini a Trump sono al potere: o fermamente, come Orbán in Ungheria, o instabili, come Janez Jansa in Slovenia. Sia Orbán che Jansa appartengono al PPE. Ma le sue strategie politiche sono molto più simili al populismo di Trump che al tradizionale conservatorismo del cancelliere tedesco Angela Merkel.

“Senza dubbio, la vittoria di Biden complicherà il futuro atteggiamento politico di leader come Orbán o Jansa”, prevede Boris Vezjak, filosofo e professore all’Università di Maribor, in Slovenia. Vezjak ritiene che l’Ungheria, la Slovenia e altri paesi dell’Europa centrale troveranno più difficile continuare con politiche che, secondo il filosofo: “sostengono nuove forme di autoritarismo e la cosiddetta democrazia illiberale, con la libertà individuale limitata e subordinata una cultura e una tradizione nazionale ”.

“Gli ambasciatori di Trump si sono impegnati a diffondere il populismo, insultare l’UE e cercare di erodere il sistema democratico in generale”. 

Forse il più belligerante di tutti i diplomatici di Washington è stato Richard Grenell, strategicamente di stanza a Berlino e inviato speciale nei Balcani per mediare tra Serbia e Kosovo. Grenell venne descritto in Germania come “una macchina di propaganda di parte”. Appena arrivato a Berlino e nel bel mezzo dell’ascesa dell’estrema destra AfD, Grenell ha assicurato che parte del suo compito di diplomatico era “dare potere ad altre forze conservatrici in Europa”, alludendo alla sostituzione di partiti tradizionali come quello della Merkel.

La perdita dell’incoraggiamento diplomatico di Washington e del sostegno finanziario che Bannon ha cercato di incanalare potrebbe indebolire i populisti europei. Tra le potenziali vittime spicca l’attuale primo ministro britannico Boris Johnson che, pur non rientrando nella classificazione del puro populismo, ha chiaramente mostrato la sua buona sintonia con Trump. 

Dopo la Brexit, Johnson sperava di raggiungere un accordo commerciale rapido e vantaggioso con gli Stati Uniti, grazie a quel rapporto privilegiato con la Casa Bianca, che costringerebbe l’Ue ad accettare termini simili. Il patto di Londra con Washington non è arrivato e l’ingresso di Biden rimuove ulteriormente questa possibilità, che costringerà Johnson ad aggiustare la sua posizione negoziale con Bruxelles.

Zerka ritiene inoltre che gli ultraconservatori statunitensi si concentreranno per i prossimi quattro anni in opposizione a Biden e nel tentativo di tornare alla Casa Bianca, che lascerà leader vicini a Trump, come Johnson, Orbán o Kaczynski, senza interlocutori a Washington.

Gli analisti concordano sul fatto che la grave crisi economica causata dalla pandemia, il cui impatto maggiore potrebbe arrivare nella prima metà del 2021, darà al populismo europeo l’opportunità di recuperare il terreno perduto. Negli ultimi mesi è stata rimpiazzata dagli aiuti di emergenza e dalle misure di stimolo fiscale adottate dalla maggior parte dei governi. 

“Ma se la pandemia continua, la frustrazione aumenterà ei leader populisti saranno consapevoli che saranno in grado di trasmettere il loro messaggio” 

Zerka

Senza Trump e con la pandemia, il populismo europeo e’ stato colpito ma non affondato.