Mal-Trattato sulla pandemia

Nel suo ultimo libro sulle disuguaglianze, Walter Scheidel ci ricorda che le epidemie sono uno degli eventi più trasformativi della storia umana. Niente di nuovo sotto il sole, in fondo, tranne che non sembriamo apprendere le lezioni convincenti che il passato, compreso il passato recente, ci offre.

Dall’inizio del millennio abbiamo visto un certo numero di specie di coronavirus fare il salto dagli animali all’uomo. Il primo si è verificato in Cina con la SARS nel 2002-2003, poi nel 2012 con la MERS in Arabia Saudita e Giordania. Altri balzi di specie virali si sono verificati con l’influenza suina (H1N1) nel 2009, l’influenza aviaria nel 2013 e nel 2017 (H7N9), così come altri patogeni come Zika ed Ebola (ancora attivi in ​​Africa). Per decenni, gli esperti della comunità scientifica hanno messo in guardia sulla necessità di prepararsi per un’altra pandemia come l’influenza spagnola del 1918 (“la grande influenza”), che ha ucciso almeno 50 milioni di persone in tutto il mondo, ma le loro premonizioni sono rimaste inascoltate.

Ora che ci siamo dentro, SARS-CoV2 sembra più o meno come l’agente patogeno che gli scienziati stavano aspettando. Uccide sia gli adulti sani che gli anziani. Il tasso di mortalità globale del Covid-19 è raddoppiato negli ultimi due mesi – dal 2,1% del 20 gennaio al 4,4%, secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Questo dato è molto più alto del 2% della pandemia di influenza spagnola, anche se chiaramente mancano ancora prove affidabili su quante persone sono state infettate. La raccomandazione dell’OMS (“Test, test, test”) è stata la chiave del successo in paesi come Corea del Sud, Singapore, Honk Kong e Islanda (piccole economie a dire il vero), che hanno implementato iniziative diffuse per testare migliaia di loro abitanti al giorno, all’inizio dell’epidemia, in tal modo tenere i numeri sotto controllo.

Nel complesso, la varietà di approcci in Europa, dipende in gran parte dalla disponibilità o di kit di test, nonché dai limiti della capacità del sistema sanitario nazionale. 

Questo, a sua volta, è un fattore significativo nel monitoraggio epidemiologico della malattia, nonché nei punti in cui ha colpito più duramente. Rendere rapidamente disponibili i test ha costituito la base della strategia tedesca per combattere il virus; I test COVID-19 sono disponibili tramite l’assistenza sanitaria del paese da gennaio. L’espansione dei test in Francia è avvenuta solo dopo il blocco, poiché il bilancio delle vittime è aumentato. La stessa tendenza si è manifestata in Spagna, dove il bilancio delle vittime della scorsa settimana è raddoppiato ogni tre giorni.

L’Italia, il primo paese in Europa a sperimentare una grave ondata interna di casi di COVID-19, e ancora stato per mesi il principale epicentro della regione, ha dovuto negoziare attraverso una varietà di approcci subnazionali ai test, che rendono le stime odierne del tasso di mortalità nazionale inaffidabili, poiché molti casi lievi o asintomatici rimangono innumerevoli. 

Le lezioni dagli errori del COVID-19 in Italia devono essere condivise ampiamente. Tuttavia, le differenze nel numero di persone sottoposte a test per il coronavirus e nel modo in cui vengono registrati i decessi, limitano in larga misura la comparabilità dei dati pubblicati anche nei paesi europei.

Quello che certamente sappiamo ormai è che il virus ha una velocità di trasmissione esponenziale: una persona affetta può trasmetterlo a 2-3 persone, 10 persone se il vettore è un medico o un infermiere. L’efficienza del contagio è evidente anche tra individui asintomatici e presintomatici, o persone con pochi sintomi.Ciò significa che COVID-19 è molto più difficile da contenere rispetto alla SARS, che aveva una velocità di trasmissione più lenta, e solo attraverso le persone sintomatiche. COVID-19 ha causato 10 volte più casi della SARS, in appena un quarto del tempo.

Quando l’emergenza diminuirà, non riconosceremo più il paesaggio, le economie e le persone stesse. Tuttavia, nelle riflessioni che accompagnano la diffusione del COVID-19, possiamo trovare utile esplorare diverse ipotesi politiche, che ci portano dalla globalizzazione ai suoi effetti diretti in casa. 

La triste geopolitica della crisi

Cominciamo con la scomoda verità. Sebbene sia preparato alla guerra, il mondo è sorprendentemente impreparato a combattere i virus.

La NATO, ad esempio, ha una forza di reazione rapida (NRF) che svolge regolarmente programmi di esercitazioni di mesi per integrare e standardizzare tutti gli aspetti operativi: logistica, approvvigionamento di cibo e carburante, linguaggio operativo, onde radio, ecc. – attraverso i contingenti nazionali.

Niente, niente del genere esiste nel campo dell’emergenza sanitaria e del contenimento delle pandemie. L’ultima simulazione seria di una catastrofe pandemica negli Stati Uniti, il Dark Winter Exercise, ha avuto luogo nel 2001. I paesi europei sono in condizioni ancora peggiori. L’Europa non ha un brandello di una politica sanitaria comune, quindi non esiste un programma comune per affrontare un’emergenza sanitaria. Inoltre, tutte le strutture di preparazione alle emergenze dell’OMS per l’identificazione dei rischi, l’emissione di un allarme globale e il coordinamento delle risposte immediate sono, a differenza della NATO, a corto di fondi e con scarsità di personale.

Il fatto incredibile è che, mentre la prima epidemia di virus stava seminando il caos a Wuhan, i paesi europei continuavano a guardare la Cina da lontano, e anche con un certo grado di pregiudizio, nutrendo la convinzione che l’epidemia non avrebbe mai raggiunto veramente il mondo occidentale; nessuno sembra sapere perché. Se i responsabili delle decisioni del governo avessero studiato seriamente i dati condivisi dalla Cina dopo che l’OMS ha dichiarato ufficialmente un’emergenza sanitaria internazionale, avrebbero capito che il mondo intero avrebbe probabilmente dovuto affrontare COVID-19 in diverse fasi dell’evoluzione virale.

Dopo diversi slalom geopolitici e resistenza visibile, l’11 marzo l’OMS ha finalmente dichiarato la pandemia da COVID-19. Pandemia significa trasmissione sostenuta e continua della malattia, simultaneamente in più di tre diverse regioni geografiche. La soglia era stata raggiunta, secondo gli esperti di sanità pubblica, settimane prima dell’annuncio. La traiettoria della malattia significava che il virus SARS-CoV2 aveva preso piede in tutto il mondo e si era moltiplicato rapidamente anche nei paesi con sistemi sanitari relativamente forti.

Mentre alcuni analisti collegano il ritardo dell’OMS al meccanismo delle obbligazioni pandemiche della Banca Mondiale, il segnale dovuto è arrivato alla fine scuotendo i governi, principalmente nell’Occidente industrializzato, per il loro “livello allarmante di inazione”, nelle parole dell’OMS Amministratore delegato, Tedros Adhanom Ghebreyesus. Sia perché la pandemia può scuotere i mercati e portare a restrizioni più drastiche ai viaggi e al commercio, o per un dubbio senso di opportunismo politico, un certo numero di leader mondiali fino a poco tempo fa ha continuato a nascondere o sottovalutare la capacità di diffusione di COVID-19. In ogni caso, hanno ritardato e stanno ancora ritardando qualsiasi importante misura di contenimento.

La preoccupazione del Direttore Generale dell’OMS per la mancanza di cooperazione tra gli Stati membri, espressa alla fine di gennaio alla vigilia della sessione del Comitato esecutivo dell’OMS (3-8 febbraio), è stata confermata, a due mesi dall’inizio della diffusione globale di COVID-19. Contrariamente agli obblighi previsti dal Regolamento Sanitario Internazionale dell’OMS (adottato nel 2005, sulla scia dell’epidemia di SARS per migliorare la capacità globale di prevenire e controllare le malattie), la cooperazione intergovernativa è stata rapidamente soppiantata da un sovranismo sanitario virale nell’affrontare la sviluppo di una pandemia. Questo è quello che abbiamo visto accadere in Europa, la culla dell’epidemia di COVID-19 più violenta, in tutto il mondo. Solo un paio di settimane prima, la maggior parte dei paesi europei si stava ancora abbandonando all’inerzia su come affrontare la malattia, fingendo che non stesse accadendo molto. Guadagnare tempo, e negare.

Italia: il primo laboratorio democratico per la gestione di COVID-19

Ma il tempo e la fiducia sono essenziali per una buona gestione dell’epidemia. Quando l’Italia, epicentro della pandemia in Europa e primo laboratorio democratico per la gestione del COVID-19, ha chiesto forniture mediche urgenti nell’ambito di uno speciale meccanismo europeo di crisi, nessun paese dell’Unione europea ha risposto. Al contrario, la Germania ha emesso un decreto per bloccare le esportazioni di maschere mediche e altri dispositivi di protezione verso le strutture sanitarie italiane. La Francia, da parte sua, ha confiscato tutte le forniture mediche disponibili con ordinanza nazionale. Un altro schiaffo in faccia è venuto dal presidente della Banca centrale europea (Bce) Christine Lagarde, la cui dichiarazione implicava che non era più compito della Bce preservare l’Italia nella zona euro. 

Il risultato è stato il crollo della borsa italiana, la perdita di 68 miliardi di euro di risparmi in un giorno, e il rinnovato accendersi del malessere finanziario, accanto al virale. La domanda imminente è se l’assetto istituzionale europeo del dopoguerra, fondato su principi di solidarietà e cooperazione, sopravviverà alla pandemia COVID-19.

COVID-19 è un test rivoluzionario per l’unità europea, poche settimane dopo la Brexit. 

Dopo l’iniziale dormienza, misure draconiane mai viste prima in Europa in tempo di pace stanno imponendo cambiamenti radicali nella vita quotidiana. Più di 250 milioni di persone sono state poste in isolamento totale o parziale nell’UE poiché Belgio e Germania hanno deciso di seguire Italia, Spagna e Francia nella chiusura delle scuole e sollecitando o chiedendo alle persone di non lasciare le loro case. Solo verso la metà di marzo, oltre due mesi dopo che i cinesi hanno dichiarato il loro focolaio di emergenza a Wuhan (7 gennaio), l’Europa ha iniziato a cogliere le dimensioni della sfida. 

La Banca centrale europea ha impiegato accesi dibattiti interni prima di adottare uno stimolo di riacquisto di obbligazioni da 750 miliardi di euro per l’Eurozona per combattere lo spillover economico e finanziario scatenato dal coronavirus. Una cifra davvero necessaria, ma ancora piuttosto debole se paragonata al pacchetto di aiuti finanziari da 550 miliardi di euro della Germania e allo stimolo di 2 trilioni di dollari dell’amministrazione Trump per sostenere l’economia e le famiglie americane (9,5% del PIL nazionale). 

Ha affrontato dure critiche per la sua inattività, ma alla fine la Commissione Europea ha trovato la sua base e ha annunciato la sospensione del Patto di stabilità, molto sostenuta dal governo italiano poiché il coronavirus ha allentato le difese del Paese, così come quelle dell’Europa. Si esprimono proposte per cogliere questo momento storico e lanciare nuove linee di credito Covid19, ovvero Eurobond a lunghissima scadenza. L’Europa ha urgente bisogno di un nuovo piano di soccorso in caso di catastrofi.

“Faremo i passi giusti, al momento giusto”, e “possiamo cambiare le sorti di questa malattia in 12 settimane”, ha affermato il primo ministro Boris Johnson, con un’apparente inversione a U rispetto alla sua strategia iniziale, e piuttosto controversa, nella gestione dei virus. Il governo del Regno Unito, che aveva cercato di portare avanti gli affari come al solito, si sta muovendo verso ulteriori test di massa, allontanamento sociale e alcune chiusure scolastiche – poco prima che lo stesso Johnson confermasse di avere COVID-19.

La pandemia di SARS-CoV2 “non avrebbe potuto verificarsi in un momento peggiore per il Regno Unito e per i suoi cittadini” scrive il Prof. Martin Mckee della London School of Hygiene and Tropical Medicines, riferendosi ai negoziati sulla Brexit. Invece di fare tutto il possibile per preservare le aree di rilevante collaborazione con l’UE, come la salute, “il Regno Unito ha deciso di isolarsi dai sistemi europei che sono stati costruiti negli ultimi dieci anni, molti a causa dei problemi esposti dal Pandemia di influenza suina del 2009 “. Il paese è ora al di fuori del meccanismo di autorizzazione rapida dell’Agenzia europea per i medicinali (EMA) per vaccini e medicinali pandemici, il che implica che il Regno Unito deve aspettare più a lungo per questi strumenti sanitari rispetto agli Stati membri dell’UE. Per peggiorare il quadro, il Regno Unito si è inoltre ritirato dal meccanismo di acquisto di emergenza all’ingrosso dell’UE per vaccini e medicinali. Questa leva consente ai governi dell’UE di aumentare il loro potere di mercato e accelerare l’accesso a vaccini e medicinali durante una situazione di emergenza.

In definitiva, come esseri umani siamo un pascolo illimitato per il virus, ma soprattutto un branco molto disordinato, impreparato e tuttavia arrogante. Il risultato è stato finora un notevole fallimento di governance, mentre il Direttore Generale dell’OMS ci implora: “non lasciate che il fuoco bruci”. Peggio sarà visto se apriremo una visione più ampia oltre i confini dell’Europa. Cosa succederà, ora che la SARS-CoV2 si insinua costantemente nella maggior parte dei paesi africani? Le implicazioni geopolitiche potrebbero non essere secondarie rispetto alle questioni di salute e sicurezza.

Tensione tra salute ed economia

Uno dei motivi per cui il diritto alla salute è soggetto a così tante violazioni risiede nel fatto che la salute non può vivere in isolamento. Il diritto alla salute trascina con sé altri diritti sociali ed economici, che esistono in costante attrito con regole economiche e profitti finanziari. D’altra parte, la diffusione della malattia implica perdite economiche. Questo è ciò che rende la salute e l’economia così intrecciate. Con sorprendente lungimiranza, il rapporto del 2019 del Comitato di monitoraggio della preparazione globale della Banca mondiale ha sottolineato la “minaccia molto reale di una pandemia di un patogeno respiratorio in rapido movimento e altamente letale” che potrebbe spazzare via quasi il 5% dell’economia mondiale (siamo a ipotesi del -4.4). Ora, con l’epidemia di coronavirus una realtà, l’OCSE ha avvertito che potrebbe dimezzare la crescita economica globale quest’anno all’1,5%, il tasso più lento dal 2009. Ha ridotto le sue previsioni di crescita per il 2020 per la Cina a un minimo di 30 anni del 4,9% , in calo dal 5,7% di novembre. Anche se la Cina torna lentamente al lavoro, il virus continua a causare enormi sconvolgimenti economici. La chiusura virtuale della “fabbrica del mondo” cinese ha ridotto la fornitura di prodotti e pezzi di ricambio, interrompendo la produzione in tutto il mondo. I paesi a basso e medio reddito, in particolare quelli dipendenti dalle esportazioni di materie prime e dalle catene di approvvigionamento globali, sono particolarmente vulnerabili in questo caos economico.

In Italia, negli ultimi anni ci siamo confrontati fin troppe volte con il dilemma tra salute ed economia (e occupazione) in tutto il paese. Queste stesse tensioni hanno portato a flagranti passi falsi nella gestione precoce del COVID-19 da parte del paese, in particolare a livello regionale. Non c’è bisogno di tenere lezioni: le cose sono complesse e le decisioni politiche non facili. Eppure, fin dall’inizio, le valli altamente produttive della Lombardia si sono impegnate nel braccio di ferro con gli imprenditori locali sulla necessità di riconoscere e frenare il contagio con rigorose misure di sanità pubblica e resistenza a una contrazione dell’attività economica che un blocco sanitario avrebbe creato. Le autorità locali hanno esitato, poiché il contagio continuava a crescere, e anche il governo centrale ha oscillato alla fine di febbraio. Dopo le prime misure di contenimento, messaggi contraddittori volti a rassicurare l’esuberanza economica del Nord (“Milano non si ferma”, Milano non si ferma), hanno finito per legittimare modelli di comportamento privi di fondamento che hanno favorito la diffusione del virus.

Finora si possono identificare due diversi approcci strategici nell’affrontare COVID-19: in primo luogo, c’è la lotta alla diffusione del virus attraverso test di massa e misure di allontanamento sociale, incluso lo straordinario isolamento forzato delle comunità nel modello cinese e italiano. In secondo luogo, e probabilmente l’approccio più fragile al contagio, pone un’attenzione esclusiva sui test e sul trattamento delle persone più colpite (il modello inglese, tedesco, olandese e in parte francese). 

Certo, l’opzione di contenimento comporta dei costi economici ma, come sottolinea Roberto Buffagni, affonda le sue radici nell’eredità di antichi valori culturali e politici che apparentemente continuano ad ispirare lo stile decisionale di quei paesi, se non altro per istinto.

D’altro canto, la strategia del laissez faire, ancora la norma in alcune parti d’Europa, ha le sue radici in un’analisi pragmatica che porta alcune sinistre implicazioni di selezione sociale. Nel caso di COVID-19, la popolazione più a rischio è in gran parte costituita da anziani o persone con altre forme di malattia cronica. La loro perdita, per quanto dolorosa, non rappresenta una minaccia per la funzionalità del sistema economico, afferma la teoria del laissez-faire. 

Piuttosto il contrario. Infatti, opera con una leva un po’ rigenerativa, in quanto allevia i costi del sistema pensionistico accanto ai costi di altre strutture di assistenza sociale del Paese. La dinamica che ne deriva innesca quindi un processo economicamente espansivo per i “lasciti che, come nelle grandi epidemie passate, accresceranno la liquidità e la capacità patrimoniale delle nuove generazioni che hanno una propensione agli investimenti e ai consumi maggiore rispetto ai loro anziani”, afferma Roberto Buffagni. In tal modo, un governo aumenta la sua operatività economica e politica, rispetto ai paesi che scelgono la costosa via del blocco.

Tuttavia, come gli italiani sanno fin troppo bene ora, un altro elemento critico nel puzzle politico in entrambi gli scenari, è la funzionalità del sistema sanitario in termini di capacità di prevenire le malattie, curare e gestire coloro che si ammalano. E quando i servizi sanitari sono sopraffatti, un’epidemia virale incontrollata alla fine porterà a massicce morti economiche, un bilancio legato anche all’esasperante epidemia di condizioni di lavoro precarie, anche in settori economici nazionali di grande successo come il turismo. 

COVID-19 ha così portato a galla le tante patologie nascoste che persistono nel tessuto economico del Paese, troppo a lungo non trattate. Se il virus segna uno spartiacque nella nostra storia e nella storia dell’Europa nel suo insieme, dobbiamo andare oltre l’immediata risposta di emergenza COVID-19 per far avanzare l’urgente rigenerazione politica ed economica che da tempo desideravamo vedere. È tempo di lavorare per una ristrutturazione sistemica dei nostri atteggiamenti nei confronti dei sistemi e dei servizi sanitari, in un mondo post-virus, per indurre cambiamenti positivi in ​​linea con i nostri diritti costituzionali.

La salute come bene comune e il ruolo del sistema sanitario pubblico

Avevamo bisogno dell’onda d’urto SARS-CoV2 per convincere l’opinione pubblica italiana sul valore del sistema sanitario nazionale (Servizio Sanitario Nazionale, 1978), come il principale strumento che protegge le comunità e garantisce agli individui protezione da eventi catastrofici della vita. Dopo due guerre mondiali, i sistemi sanitari nazionali sono stati gradualmente introdotti in Europa come i meccanismi istituzionali più efficaci per sigillare i patti democratici delle società.

In Italia, secondo Bloomberg, il sistema sanitario pubblico universale è stato determinante per lo sviluppo sociale ed economico del Paese e ancora oggi rappresenta la sua alta aspettativa di vita della popolazione. La rinnovata consapevolezza della differenza che può fare un istituto di sanità pubblica universale e gratuita è vividamente presente nei paesi più colpiti ora. Iniziative come quella spagnola per porre tutti gli ospedali privati ​​sotto il controllo statale a tempo indeterminato dovrebbero diffondersi a livello internazionale come il virus e generare un forte consenso globale su una visione dei sistemi e dei servizi sanitari basata sui diritti, che va oltre le questioni di risorse finanziarie. Lo considero il punto di non ritorno politico dell’attuale crisi virale. In effetti, questo è il coronavirtue che dobbiamo cogliere e preservare, se vogliamo seriamente la copertura sanitaria universale e lo sviluppo sostenibile per tutti.

In nome delle ideologie neoliberiste, e spesso in nome dell’odioso rimborso del debito, lo sviluppo di solidi sistemi sanitari nel Sud del mondo è stato ostinatamente contrastato per decenni, con un enorme tributo nella salute e nella vita di miliardi di persone. La maggior parte dei paesi a reddito medio e basso si trova quindi ora ad affrontare il coronavirus a mani nude. Anni di tagli alla spesa dovuti alle politiche di austerità fiscale hanno anche minato l’approvvigionamento di sanità pubblica nelle economie sviluppate, così che i sistemi sanitari sono stati smantellati e fatti a pezzi anche in Europa. Per quanto riguarda l’Italia, la riduzione del debito e le revisioni della spesa hanno ridotto gli investimenti: la spesa sanitaria è aumentata del 14,8% dal 2001 al 2008, di un misero 0,6% dal 2009 al 2017.

Nonostante l’invecchiamento della società italiana, il bilancio sanitario nazionale è stato ridotto di 25 miliardi di euro tra il 2010 e il 2012, le unità sanitarie locali sono state smantellate (da 642 negli anni ’80 a 101 nel 2017) e 175 ospedali sono stati chiusi. I ripetuti cicli di devolution e privatizzazioni hanno smembrato il sistema sanitario nazionale italiano a vantaggio delle assicurazioni private. Da nessuna parte questa tendenza allo smembramento del sistema sanitario pubblico è stata più evidente che in Lombardia, che è stata la più colpita dalla pandemia, pur essendo la regione più ricca del Paese.

Il titolo convincente del rapporto Censis-Rbm 2018 – Resentment Healthcare, Resentment for Healthcare: Scenes from an Unequal Country – illustra l’inquietante ritratto di una “società fuori di tasca” fuori controllo. La spesa privata per i servizi sanitari è aumentata del 9,6% dal 2013 al 2017, costringendo oltre 7 milioni di persone a indebitarsi o a vendere le proprie proprietà (2,8 milioni di persone) per accedere al proprio diritto all’assistenza sanitaria. Un crimine perfetto contro il buon senso. Di fronte alla SARS-CoV2, l’Italia ha oggi meno della metà dei posti letto in terapia intensiva rispetto alla Germania o alla Francia.

Le lezioni di Covid19: politiche per il futuro

La devastazione è sotto i nostri occhi. Il bilancio delle vittime dell’Italia ha superato la Cina di molti multipli, con il 4% della popolazione cinese. La mitigazione della diffusione del virus è senza dubbio la priorità più urgente ora per evitare il collasso del sistema sanitario, con tutte le sue implicazioni.

Allo stesso tempo, dobbiamo iniziare subito a pianificare i necessari cambiamenti politici da intraprendere dopo l’emergenza, in tutto lo spettro sociale ed economico. Risorse umane e finanziarie più adeguate dal punto di vista della salute dovranno essere iniettate nel sistema sanitario universale. Dobbiamo rimediare ai danni causati in passato ai servizi pubblici e dobbiamo rivedere gli equilibri di potere e le regole di impegno per il settore privato, anche nel campo della ricerca scientifica e medica. Non ci sono ragioni per cui si dovrebbe consentire alla salute di affermarsi come meccanismo di estrazione del profitto se non accompagnato da un valore sociale e da esternalità minimizzate.

In Italia dovrà essere realizzata una nuova governance per la salute. National Health Services significa nazionale (Pubblico, Privato, mixed, ma Nazionale), ad es. centralizzato e non frammentato in una varietà di strategie regionali più o meno accessorie alle tentazioni del settore privato.

La devoluzione della salute, introdotta nel 2001, non ha funzionato.

Nel complesso, ha portato a significative disuguaglianze di salute.