L’impatto della longevità sulla crescita economica

person sitting on sofa chair

Un reddito pro capite più elevato implica un migliore accesso all’alloggio, all’istruzione, all’assistenza sanitaria e ad altri piaceri della vita, che, a loro volta, tendono a portare a un miglioramento della salute e ad una maggiore aspettativa di vita.

La popolazione dai 65 anni in su è cresciuta più rapidamente di tutte le altre fasce d’età, mentre il tasso di natalità globale è in diminuzione dalla seconda metà del 20° secolo. L’espansione economica del secondo dopoguerra ha sicuramente migliorato gli standard di vita e portato a una maggiore longevità, ma l’aumento dell’aspettativa di vita ha un effetto positivo sulla crescita economica?

Con la popolazione di età pari o superiore a 65 anni in crescita, centinaia di milioni di lavoratori andranno in pensione nei prossimi due decenni e non ci sarà il ricambio nella forza lavoro, la performance economica ne risentirà probabilmente a causa del crescente carico di sicurezza sociale e della contrazione della forza lavoro. Un’ondata così massiccia di pensionamenti influenzerà tutto, non solo perché la forza lavoro globale si ridurrà, ma anche perché l’assistenza agli anziani diventerà sempre più costosa in gli anni a venire ”. Secondo Jensen, “un’ovvia conseguenza della contrazione della forza lavoro è il rallentamento della crescita del PIL”.

A causa della contrazione della forza lavoro in molte delle più grandi economie del mondo, combinata con una crescita della produttività solo modesta, è facile prevedere un quadro desolante di bassa crescita economica strutturale per i decenni a venire. Per spiegare gli scenari usiamo le equazioni fondamentali della teoria economica:

∆PIL = ∆Forza lavoro + ∆Produttività

Al livello più fondamentale, ci sono solo due motori della crescita economica: crescita della forza lavoro e crescita della produttività. La formula sopra implica che:

“se si sa quanto la forza lavoro si ridurrà negli anni a venire, si sa anche di quanta produttività dovrà migliorare affinché il paese in questione produca una crescita positiva del PIL”.

Guardando indietro agli Stati Uniti dalla metà degli anni ’50 alla metà degli anni 2000, la crescita della forza lavoro ha contribuito in media almeno un punto percentuale alla crescita del PIL annuale.

Nei dieci anni dal 2007 al 2016, tuttavia, la crescita della forza lavoro ha contribuito meno alla crescita del PIL di quanto non abbia mai fatto negli ultimi 50 anni, e la forza lavoro si ridurrà molto negli anni a venire.

Tra oggi e il 2050, si prevede che la crescita della forza lavoro negli Stati Uniti contribuirà solo allo 0,25% annuo alla crescita del PIL. Ancora peggio faranno i 35 paesi membri dell’OCSE, gli Stati Uniti saranno i meno colpiti da questa tendenza.

Obiettivi divergenti

Tutti vogliono la crescita economica, ma vogliamo anche vivere più a lungo, e i due obiettivi non sempre vanno di pari passo. La crescita dell’economia rende le persone più ricche e i più ricchi conducono vite più felici, più sane e più lunghe. Detto questo, l’aumento della longevità è una responsabilità per la società. Non solo i lavoratori più giovani sono più produttivi dei loro coetanei più anziani, ma la crescente coorte di anziani rappresenta un enorme rischio per la società.

“L’NHS nel Regno Unito calcola che si spendono 6-7 volte di più per un uomo di 80 anni che per un uomo di 30”

Il mondo sta invecchiando a un ritmo rapido. Da qui al 2050, il numero di persone di età superiore ai 60 anni quasi raddoppierà rispetto al totale e la fascia di età superiore agli 80 anni crescerà ancora più velocemente.

Una forza lavoro che invecchia può colpire l’economia globale in molti modi diversi.

Anche così, la macchina economica del mondo non è rotta; solo funziona solo un po ‘più lentamente di qualche tempo fa, forse significativamente più lento, perché i lavoratori non sono giovani come prima.