L’Epidemia fuori dai denti

grayscale photo of woman in black jacket sitting on train

Il tasso di mortalità reale esprime il numero di morti rispetto al numero totale di infortuni, un numero ancora sconosciuto alla luce della difficoltà di misurare il numero totale di casi senza sintomi.

Il numero di decessi per malattia di Covid-19 nel mondo ha superato il milione, ma gli esperti stanno ancora studiando per trovare una misura critica della pandemia, vale a dire il tasso di mortalità, cioè la percentuale del numero di nuovi pazienti affetti dal virus che muoiono.
Ecco uno sguardo ad alcuni dei problemi per comprendere meglio il tasso di mortalità COVID-19.

Pazienti senza sintomi

Il tasso di mortalità reale esprime il numero di decessi in rapporto al numero totale di infezioni, numero ancora sconosciuto alla luce della difficoltà di misurare il numero totale di casi senza sintomi. 

Molte persone che vengono infettate semplicemente non mostrano sintomi.
Gli scienziati affermano che il numero totale di infezioni supera di gran lunga il numero di casi attualmente confermati, che è di 37,579,034 di casi in tutto il mondo. Molti esperti ritengono che il virus Corona uccida tra lo 0,5 e l’1% delle persone infette, rendendolo un virus molto pericoloso fino a quando non viene trovato un vaccino per prevenirlo.
I ricercatori hanno analizzato questo rischio in base ai gruppi di età, con prove crescenti che i bambini e gli adulti più giovani hanno meno probabilità di sviluppare sintomi gravi.
Christopher Murray, direttore dell’Institute for Health Metrics and Evaluation presso l’Università di Washington a Seattle, negli Stati Uniti, ha affermato:

“Il tasso di mortalità per i minori di 20 anni è probabilmente uno su diecimila ma è uno su sei tra quelli di età superiore agli 85 anni”.

Qual è il totale dei decessi in relazione al numero di casi?

C’è un chiaro calo dei tassi di mortalità quando misurato in relazione al numero di nuove infezioni confermate dagli esami. In paesi come gli Stati Uniti, i calcoli Reuters indicano che i decessi complessivi rispetto al numero di casi sono diminuiti drasticamente dal 6,6 per cento ad aprile a poco più del 2 per cento ad agosto.
Tuttavia, gli esperti hanno affermato che la diminuzione è in gran parte dovuta all’espansione dell’ambito dei test rispetto ai primi giorni della pandemia, che ha portato all’individuazione di più persone descritte come “asintomatiche”. 
Le maggiori possibilità di sopravvivenza sono attribuite al miglioramento del trattamento delle persone gravemente afflitte e alla protezione di alcuni dei gruppi più vulnerabili.
“Siamo molto più consapevoli delle potenziali complicazioni e di come monitorarle e trattarle” ha affermato Amish Adalja del Johns Hopkins University Center for Health Security di Baltimora. 

Se prendi Covid-19 oggi è molto meglio che se lo avessi preso a marzo.


Cosa significa questo per individui e governi?

Ciò evidenzia la necessità di una vigilanza continua poiché alcuni paesi iniziano ad affrontare una seconda ondata di infezioni.
Ad esempio, i ricercatori in Francia stimano che le morti complessive rispetto al numero di casi nel paese siano diminuite del 46% entro la fine di luglio rispetto alla fine di maggio, a causa dell’aumento degli esami, del miglioramento delle cure mediche e di una maggiore incidenza di infezioni tra i giovani che sono meno probabili.

Per malattie gravi. “E ora vediamo un nuovo aumento del numero di casi trasferiti in ospedale e entrati nel reparto di terapia intensiva, il che significa che questa disparità sta per finire… Dovremo capire il motivo”, ha detto Mircha Sofonia, ricercatrice presso l’Università di Montpellier in Francia.

Immunità’ di gregge?

Il corrispondente Donald J. McConnell Jr. ha chiesto a tre team di modellare le epidemie: il Prevention Policy Modeling Lab della TH Chan School of Public Health, il Centro per la ricerca e la politica sulle malattie infettive dell’Università del Minnesota e il sito web delle proiezioni Covid-19, per calcolare la percentuale di infezione in un paese sulla base dei dati dei test.

Le risposte dai tre centri sono state sorprendentemente simili: hanno scoperto che solo dal 10% al 16% degli americani aveva contratto il virus, lasciando vulnerabile fino al 90% della popolazione.

Questi numeri sono in linea con altri due studi pubblicati la scorsa settimana. 

I Centers for Disease Control and Prevention hanno affermato, citando i dati dei campioni di sangue raccolti nei laboratori di tutto il paese, che meno del 10 per cento contiene anticorpi. In uno studio pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet, gli scienziati dell’Università di Stanford hanno esaminato quasi 29.000 campioni di sangue provenienti da centri di dialisi e hanno trovato anticorpi in poco più del 9% dei pazienti.