Wall Street inizierà a fare Trading su una nuova commodity: l’acqua

Secondo il CME (NASDAQ CME), quasi due terzi della popolazione mondiale dovrà affrontare la carenza d’acqua entro il 2025

pouring water on person's hands

Se il caldo record e gli incendi che hanno devastato la California non fossero un segno abbastanza chiaro che il clima sta cambiando, allora considerate questo: Wall Street sta per iniziare a negoziare contratti futures sull’approvvigionamento idrico dello stato.

I contratti sono i primi nel loro genere negli Stati Uniti e vengono creati da CME Group Inc., la più grande borsa Futures del mondo. Hanno lo scopo, afferma CME, sia di consentire ai grandi consumatori di acqua della California, come le colture di mandorle e le municipalità, di proteggersi dall’aumento dei prezzi e possono fungere da punto di riferimento che segnala quanto la scarsità d’acqua stia diventando acuta e, più in generale, nel il globo.

L’approvvigionamento idrico è stato limitato per anni in California e anche gran parte dell’Asia e dell’Africa devono affrontare il potenziale di scarsità con l’aumento delle temperature.

Secondo il CME, quasi due terzi della popolazione mondiale dovrà affrontare la carenza d’acqua entro il 2025.

“La scarsità d’acqua è certamente una delle maggiori sfide che le comunità e gli individui devono affrontare oggi in tutto il mondo, dove attualmente circa 2 miliardi di persone vivono già in paesi che soffrono di forte stress idrico”, Tim McCourt, il responsabile globale dell’indice azionario e dei prodotti di investimento alternativi di CME, ha detto in un’intervista.

Wall Street ha preso nota per la prima volta del potenziale dell’acqua dopo che l’investitore Michael Burry ha attirato l’attenzione 10 anni fa quando ha parlato di investire in terreni agricoli con “acqua sul posto”. Burry, la cui scommessa contro la bolla dei subprime è stata narrata in “The Big Short: Inside the Doomsday Machine “di Michael Lewis e nel film del 2015, da allora è uscito dalle sue aziende agricole e idriche, anche se l’anno scorso ha notato che c’è” molta domanda per quelle risorse in questi giorni “.

I futures potrebbero essere utili come strumento di copertura per aziende, inclusi produttori alimentari o agricoli, proprietari di terreni, comuni e agenzie per l’acqua pubblica.

“È davvero un meccanismo unico per gli investitori stessi e per la California essere in grado di comprendere e valutare il rischio e potenzialmente coprire il rischio di volatilità del prezzo dell’acqua”, ha affermato Carter Malloy, fondatore e amministratore delegato di AcreTrader, un’azienda che investe in terreni agricoli piattaforma.

“La cosa cruciale è che in questo momento abbiamo pochissima visibilità su come saranno i prezzi dell’acqua in futuro”

Carter Malloy – AcreTrader

La conservazione e la distribuzione dell’acqua potrebbero diventare sempre più attraenti poiché investitori come Jeff Ubben, che ha recentemente lanciato Inclusive Capital Partners, cercano di affrontare problemi che vanno dal danno ambientale alla scarsità di cibo attraverso i loro fondi.

I sostenitori del clima hanno messo in guardia negli ultimi anni sul potenziale delle guerre per l’acqua con l’aumento della concorrenza tra le esigenze dell’agricoltura, dell’energia e delle città in crescita. La produzione alimentare, in particolare, potrebbe essere vulnerabile poiché la siccità rende sempre più difficile coltivare raccolti in molte parti del mondo e gli agricoltori bilanciano le esigenze di acqua e terra con la protezione delle foreste in luoghi come l’Amazzonia brasiliana.

“Il cibo sarà un punto critico” nel mondo poiché il cambiamento climatico rende la produzione più impegnativa, ha dichiarato Carter Roberts, amministratore delegato del World Wildlife Fund, in un’intervista al Bloomberg Green Festival questa settimana.

Il contratto CME, legato al mercato idrico californiano da 1,1 miliardi di dollari, verrà lanciato alla fine di quest’anno, in attesa della revisione normativa, e si baserà sul Nasdaq Veles California Water Index.

In California, circa il 40% dell’acqua attualmente consumata nello stato va alla produzione agricola. Il contratto CME contribuirà a creare una curva a termine in modo che gli utenti possano coprire il rischio di prezzo.

“Quello che volevamo veramente essere in grado di fare era innanzitutto fornire informazioni chiare e trasparenti basate su regole al mercato”, ha affermato Patrick Wolf, senior manager di Nasdaq Global Indexes.

aerial photo of seashore