Pace Emirati Arabi Uniti-Israele: variabili strategiche e geopolitiche

people gathered in front of concrete structures

Le variabili hanno la precedenza sulle costanti nel conflitto arabo-israeliano. Dai “No di Khartoum“, nessuna negoziazione, nessuna pace, nessun riconoscimento, alla negoziazione, riconciliazione e riconoscimento.

Dalle guerre classiche alla resistenza.
Non si può sfuggire alla revisione alla revisione storicistica della causa palestinese per quasi un secolo. 

Dove ci hanno portato le costanti senza essere sempre sostenuti dalle “carte del potere” militari, economiche e diplomatiche?

E dove ci hanno portato i cambiamenti che hanno avuto luogo nella regione e nel mondo a tal punto che ci siamo “adattati”, o attraverso la lettura strategica o con il metodo?

La questione è stata sollevata non dall’uomo della strada ma da Anwar Sadat a Gerusalemme, anni dopo la “Guerra del Kippur“. Le risposte sono un misto di adesione alla destra storica, slogan populisti, una visione realistica e le posizioni delle lobby. Oggi si rinnovano domande e risposte dopo l’annuncio alla Casa Bianca di un accordo di pace tra Emirati Arabi Uniti e Israele.

Allarghiamo innanzi tutto la scena: Donald Trump ha bisogno di una “conquista” esterna per aiutarlo nella battaglia presidenziale, che comunque perderà.

Ha perso l’arma più importante in mano, cioè l’economia, colpita dal Corona virus, la pessima performance di Trump di fronte all’epidemia è stata una delle ragioni della sua scarsa popolarità. Sta giocando la carta del conflitto con la Cina, e sta cercando l’accordo del secolo.

È naturale puntare i riflettori sulla “sospensione” dell’annessione degli insediamenti in un’area del 30 per cento della Cisgiordania. Netanyahu non è stato in grado di attuare l’annessione perché il presidente degli Stati Uniti non ha dato il “via libera” e il suo partner, il generale Gantz, ha respinto la mossa unilaterale.

Nessuno sa fino a che punto ciò servirebbe alla battaglia presidenziale di Trump contro il candidato democratico Joe Biden, che è finora sotto di sette punti.

Ma tutti sanno a quali tre variabili ci hanno portato.

  •  Il primo è quello che è successo al vertice del mondo, dal declino dell’America, all’avanzata della Cina e al ritorno della Russia. 
  • La seconda è che il mondo arabo di oggi, soprattutto dopo la fine della “primavera araba”, non è più quello del 1979.
  • E il terzo è il nuovo fattore nel conflitto geopolitico che la “Repubblica islamica dell’Iran” e le sue aspirazioni imperiali pongono sul suolo arabo.

Dopo il trattato di Camp David, gli stati arabi hanno cacciato l’Egitto dalla Lega araba.

I palestinesi non erano i soli a rifiutare Camp David come una minaccia alla loro causa. Così i siriani. Per quanto riguarda l’annuncio dell’accordo “pace per la pace” tra Emirati Arabi Uniti e Israele, la “condanna” è arrivata da palestinesi e iraniani, a cui si è unita la Turchia, che ha un ambasciatore in Israele e Qatar, che è stata la prima a istituire un ufficio di rappresentanza per Israele a Doha.

Zayed Sheikh Mosque, Saudi Arabia at daytime

L’Egitto e la Giordania sono in pace con Israele. Siria, Yemen e Libia sono in guerra senza fine. I paesi del Maghreb sono impegnati con le proprie preoccupazioni. Il Sudan e alcuni stati del Golfo sono in cammino verso relazioni stabili con Israele.

Quanto all’Arabia Saudita, ha aderito all’iniziativa di pace araba presentata dal re Abdullah quando era principe ereditario, ed è stata approvata all’unanimità al vertice di Beirut nel 2002.

L’equazione è definita: il ritiro israeliano dalla terra occupata nel 1967 e l’istituzione di uno stato palestinese con Gerusalemme est come capitale in cambio della pace e della normalizzazione con Israele da parte di tutti i paesi arabi. Una traduzione pratica dell’iniziativa è che la “chiave” è nelle mani dei palestinesi.

E il grande cambiamento di 180 gradi nella strategia di azione araba è ciò che è iniziato a Camp David: dal fatto che le questioni arabe sono completamente legate alla questione palestinese, all’orientamento di ogni stato arabo ad affrontare le sue questioni all’interno dei suoi interessi e del suo concetto sovrano.

Quindi, il commentatore americano Thomas Friedman ha descritto l’accordo come un “terremoto geopolitico”. Quando il presidente iraniano Hassan Rouhani ha parlato di “tradimento”, la risposta è arrivata dal Consiglio di cooperazione del Golfo e dai paesi arabi, guidati dall’Egitto.

In realtà, il pericolo della repubblica dei mullah agli occhi degli arabi non è altro che il pericolo di Israele e la minaccia della Turchia guidata da Erdogan.

Infatti, il vecchio politico conservatore Ali Mottahari dice: “Abbiamo spaventato gli arabi e li abbiamo spinti tra le braccia di Israele”.

Poiché non c’è nulla nelle relazioni tra le nazioni senza remunerazione. Dennis Ross crede che uno degli obiettivi degli Emirati Arabi Uniti sia “ottenere armi avanzate che Washington fornisce solo ai paesi in pace con Israele”, come l’F35.

Lo scrittore israeliano Ari Shavit prevede che “Netanyahu, che ha perso i coloni, ricorrerà a fare affidamento sul centro e sulla sua destra, per aiutare a salvare la democrazia”.

Inoltre, l’Iran, che ha acquisito i confini con Israele attraverso Hezbollah in Libano e le Guardie rivoluzionarie sulle linee del Golan siriano, troverà Israele sui suoi “confini” dopo l’accordo.

E il gioco non è semplice ne’ ordinario.

O pensate che il deposito saltato a Beirut sia stata una tragica fatalità?

Forse, ma molto mirata e puntuale.