OMS: Non potrebbe mai esistere un vaccino perfetto per Covid-19

e la strada per la normalità potrebbe essere lunga

Il direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, e il capo delle emergenze, Mike Ryan, hanno esortato le nazioni ad applicare rigorosamente misure sanitarie come: indossare la maschera, distanziamento sociale, lavaggio delle mani e test.

orange and black plastic toy

“Il messaggio a persone e governi è chiaro: “Fate tutto il possibile”, ha detto Tedros in un briefing virtuale di notizie dal quartier generale dell’organismo delle Nazioni Unite a Ginevra. Ha detto che le maschere facciali dovrebbero diventare un simbolo di solidarietà in tutto il mondo.

Numerosi vaccini sono in fase di sperimentazione clinica 3 e speriamo tutti di avere un numero di vaccini efficaci che possano aiutare a prevenire le persone dalla infezione. Tuttavia, al momento non esiste un proiettile d’argento e potrebbe non esserci mai.

Per ora, fermare i focolai si basa sulle basi della salute pubblica e del controllo delle malattie. Test, isolamento e trattamento dei pazienti, tracciabilità e quarantena dei loro contatti. Informare, potenziare e ascoltare le comunità. Per gli individui, si tratta di mantenere la distanza fisica, indossare una maschera, pulire regolarmente le mani e tossire in modo sicuro lontano dagli altri.

Il messaggio alle persone e ai governi è chiaro: Continuare a rafforzare il sistema sanitario. Continuare a migliorare la sorveglianza, tracciare i contatti e garantire che i servizi sanitari interrotti vengano riavviati il più rapidamente possibile. Mantenere le misure di sicurezza e il monitoraggio in atto, perché l’eliminazione delle restrizioni troppo rapidamente può portare a una ripresa.

Ryan ha affermato che i paesi con elevate velocità di trasmissione, tra cui Brasile e India, devono prepararsi a una grande battaglia: “La via d’uscita è lunga e richiede un impegno prolungato”, ha affermato, chiedendo un “ripristino” dell’approccio in alcuni luoghi.

“Alcuni paesi dovranno davvero fare un passo indietro ora e dare davvero un’occhiata a come stanno affrontando la pandemia all’interno dei loro confini nazionali”, ha aggiunto.

red and black heart illustration

Alla domanda sull’epidemia americana, che secondo gli esperti del coronavirus della Casa Bianca sta entrando in una “nuova fase”, ha affermato che i funzionari sembrano aver stabilito la “strada giusta” e non è compito dell’OMS farlo.

I funzionari dell’OMS hanno dichiarato che una squadra investigativa anticipata ha concluso la sua missione in Cina e ha gettato le basi per ulteriori sforzi per identificare le origini del virus.

Lo studio è una delle richieste avanzate dal principale donatore dell’OMS, gli Stati Uniti, che prevede di lasciarla l’anno prossimo, accusandola di essere troppo accondiscendente con la Cina.

Un team più grande, guidato dall’OMS di esperti cinesi e internazionali, è in programma per il prossimo futuro, anche nella città di Wuhan, anche se i tempi e la composizione di ciò non sono chiari.