La Germania istituisce un’agenda europea per la difesa tenendo conto del disimpegno di USA

grayscale photography of war cannons

L’#Europa della Difesa si mette in marcia. Tank, satelliti e forze armate in comune. Per la prima volta un piano strategico. 16 miliardi di budget, per la più forte alleanza del mondo

L’Unione europea dovrebbe prepararsi alla possibilità di un graduale disimpegno da parte degli Stati Uniti dal continente, anche se lo sfidante democratico Joe Biden batte il presidente Donald Trump alle elezioni di novembre, secondo il ministro della difesa tedesco.

Parlando davanti al parlamento europeo, Annegret Kramp-Karrenbauer ha affermato di ritenere che solo il “tono” nelle relazioni transatlantiche cambierebbe dopo una vittoria di Biden. Il riorientamento della politica estera americana nei confronti della Cina come rivale globale rimarrebbe una forza trainante chiave a Washington, probabilmente a spese dell’Europa.

“In tal caso, significa che noi europei dobbiamo essere in grado di agire più di quanto non sia oggi”, ha dichiarato in testimonianza di intesa a delineare l’agenda della difesa tedesca durante un turno di sei mesi alla guida del Consiglio europeo di l’UE che ha avuto inizio il 1 luglio.

A dire il vero, Kramp-Karrenbauer ha sottolineato che l’Europa rimane dipendente dal supporto degli Stati Uniti e della NATO e che non vi è alcun segno che tale equazione cambi in qualunque momento presto. I leader tedeschi hanno costantemente sostenuto l’alleanza transatlantica come pietra angolare del loro calcolo geopolitico, anche se Trump ha deplorato Berlino per le sue scarse spese di difesa.

Ma la valutazione del ministro della difesa potrebbe essere un segno che i tedeschi sospettano che forze più grandi siano in gioco sull’altro lato dell’Atlantico.

Alla luce di ciò, l’agenda della difesa del Ministero della Difesa per l’UE si presenta come una sorta di kit di strumenti per evitare di essere scoperti. Creare una “bussola strategica” per il blocco, come lo chiama Kramp-Karrenbauer, sarebbe un passo fondamentale per garantire a tutti gli Stati membri una politica estera e di difesa comune.

Una valutazione delle minacce a livello di UE è il primo passo in tale processo, supervisionato dal European Union Intelligence and Situation Centre dell’UE e sostenuto dai servizi di intelligence dei paesi membri. Secondo la Kramp-Karrenbauer, la valutazione non dovrebbe essere “molto lontana” e sarebbe idealmente terminata entro la fine dell’anno, quando la Germania consegnerà il testimone della presidenza alla Slovenia.


white and gray battle tank

È anche necessaria una “comprensione operativa” a livello di blocco per ogni volta che c’è un vero combattimento da fare, secondo il ministro della difesa. Persino le missioni di mantenimento della pace e di addestramento, che tendono a dominare la lista delle missioni dell’UE, arrivano sempre con elementi più cinetici e di protezione della forza, per esempio, e dovrebbe esserci un processo in atto per avviare questo tipo di operazioni.

“Si potrebbe sviluppare un metodo come parte della bussola strategica diventerebbe una questione per tutti i membri”, ha detto Kramp-Karrenbauer.

L’Africa occidentale potrebbe essere un primo banco di prova riguardo agli interessi europei. Una missione antiterrorismo americana è stata cruciale nel sostenere una forza di pace delle truppe africane e africane delle Nazioni Unite. I leader europei considerano la regione un focolaio di terrorismo, temendo la possibilità che i combattenti si dirigano verso l’Europa.

Ma la missione è controversa negli Stati Uniti, e un ritiro americano potrebbe essere in arrivo, ha detto Kramp-Karrenbauer. “Questo è uno scenario che potremmo trovarci di fronte in futuro.”

C’è anche la questione di un ritiro di quasi 10.000 forze statunitensi dalla Germania, i cui dettagli sono ancora in qualche modo avvolti nel mistero.

Scacciati da Trump e da una piccola cerchia di consiglieri della Casa Bianca, i leader militari stanno ancora cercando di capire i dettagli per attuare la decisione, ha detto il segretario dell’esercito Ryan McCarthy in una telefonata con i giornalisti mercoledì.

McCarthy ha detto di aver discusso della questione con il generale dell’aeronautica statunitense Tod Wolters, il principale generale della NATO per l’Europa, all’inizio di quel giorno. Ma aveva poco da condividere sul processo, dicendo solo che i funzionari del Pentagono avrebbero rilasciato ulteriori dettagli nelle prossime settimane.

Il “riposizionamento”, come McCarthy ha definito la mossa, è controverso tra gli analisti della difesa su entrambe le sponde dell’Atlantico perché potrebbe contemporaneamente danneggiare la posizione di difesa degli Stati Uniti e dell’Europa. La Germania è un hub per l’addestramento e la logistica delle truppe statunitensi che sarebbe difficile ricreare rapidamente altrove, sostiene l’argomentazione.

Il fatto che i funzionari militari stiano facendo solo ora le analisi per una possibile ridistribuzione dimostra che nessun esame di questo tipo ha avuto luogo prima dell’annuncio di Trump, ha dichiarato a Defense News il tenente in pensione Ben Hodges, ex comandante delle forze armate statunitensi in Europa.

Hodges ha affermato di essere stato incoraggiato a vedere i legislatori statunitensi mettere in discussione la decisione, costringendo a pronunciarsi sulla questione attraverso la legislazione. “Supporto congressuale per la NATO e per la Germania-Stati Uniti. la relazione rimane molto forte “, ha detto.

Nel frattempo, le opinioni differiscono su quanto di un cambiamento porterebbe una presidenza Biden all’alleanza transatlantica.

“Se guardi tutto ciò che ha detto Joe Biden, avrai sicuramente l’impressione che sia interessato a ripristinare le alleanze, anche in Europa”, ha dichiarato Jeffrey Rathke, presidente dell’American Institute for Contemporary German Studies presso la Johns Hopkins University.

“Naturalmente ci sarebbe un tono diverso”, ha aggiunto. “Ma anche la sostanza sarebbe diversa.”

Per ora, l’apparente traiettoria del ministero della Difesa tedesco di pianificare un futuro in cui l’impegno degli Stati Uniti potrebbe essere incerto può portare più bene che male, ha affermato.

I timori di una Russia sempre più bellicosa e l’interrogativo palese di Trump sulle alleanze internazionali come chiave per mantenere la pace hanno guidato negli ultimi anni un’ondata di maggiori spese per la difesa nel continente. “Le cose che l’Europa deve fare per la propria sicurezza sono proprio le cose che migliorano le relazioni di sicurezza transatlantiche”, ha affermato Rathke.